Certificazioni

Per sfidare la sorte fino in fondo, ho deciso di coltivare solo prodotti biologici. Nella nostra azienda non possono essere utilizzate sostanze chimiche sintetizzate dall’uomo, antiparassitari o qualsiasi altro ingrediente ottenuto o derivato da OGM, ma solo sostanze naturali, come per esempio prodotti stallatici. Gli impianti di trasformazione devono garantire che la lavorazione dei prodotti da agricoltura biologica avvenga separatamente da quelli convenzionali, e permettendo così una chiara identificazione e rintracciabilità delle materie prime e del prodotto finito. Tutto il processo produttivo biologico è certificato attraverso un sistema di controllo riconosciuto a livello europeo e nazionale, che consente di etichettare i prodotti con la dicitura “da agricoltura biologica”. Questo costituisce una garanzia per i consumatori e per i produttori. I nostri prodotti sono controllati da ICEA (organismo di controllo autorizzato da MIPAAF ) IT BIO 006 G 1838 e certificati Kosher. La certificazione Kosher garantisce un controllo ancora più accurato dell’intera filiera per escludere qualsiasi tipo di contaminazione da parte di insetti o altre forme animali che lo renderebbero non rispondente alle regole alimentari ebraiche.

La raccolta delle nostre olive avviene generalmente durante la prima decade di ottobre, diversi giorni in anticipo rispetto alla raccolta tradizionale e comunque appena inizia l’invaiatura. L’esposizione a pieno sud e sesti d’impianto molto ampi facilitano una continua aerazione delle piante con poco ristagno di umidità; l’insieme di questi fattori assicura fortunatamente un minore rischio di infestazione della mosca, il più pericoloso tra i parassiti dell’olivo. La raccolta è in parte meccanizzata, mentre per le piante più giovani, la brucatura avviene a mano. Le olive sono poste in casse di plastica forate, per permettere una maggiore areazione, e vengono frante entro le 6 ore dalla raccolta. L’olio, così estratto, è poi filtrato e conservato in silos di acciaio inox a temperatura controllata e sotto gas inerte (azoto). img_bertarello